Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

Visualizza la Privacy Policy Approvo


Con la MP Filtri Caccialanza di Milano che deve accontentarsi di nuovo soltanto di un pareggio, stavolta interno (1-1) ottenuto contro L’Aquila, la vittoria della Fashion Cattel di Treviso a Montecatini 3-0, significa più quattro per i veneti. Questo il responso della 20esima e terz’ultima giornata del campionato di serie A, nella lotta per il titolo 2017. E sabato prossimo ci sarà lo scontro diretto. Alla formazione del tecnico Bompan basterà pareggiare in quell’occasione, sui propri campi, e per i trevigiani sarà scudetto con una gara d’anticipo. Se invece i meneghini, all’appello decisivo, riuscissero a cogliere i tre punti in trasferta, l’ultima giornata diverrebbe davvero molto intensa e poco adatta ai deboli di cuore. Ma intanto bisogna giocare il prossimo turno, appunto, che sarà comunque a suo modo decisivo. Del resto, per le parti basse della classifica, già lo è stato nella sostanza quello di sabato scorso. Detto infatti del Montecatini Avis e dell’Ancona 2000 già retrocesse da un po’, si avvia verso la discesa nella categoria cadetta anche l’Aper di Perugia. Per rimanere aggrappati al miraggio playout, gli umbri erano chiamati a un estremo tentativo in casa dei modenesi della Rinascita. Ma gli emiliani già prima dell’intervallo hanno di fatto chiuso il match, assestando un “uno-due” terribile che ha spezzato gran parte dei tenui sogni di recupero perugini, lasciandoli appesi a un sottilissimo filo. Il fatto che Montegranaro sia stata contemporaneamente corsara in terra capitolina contro il Boville per 2-1, addolcisce solo un po’ la pillola. Marchigiani dunque, matematica a parte, salvi senza pericolosi (quanto per la verità improbabili) strascichi post-stagione regolare. I romani, proseguendo la loro annata a dir poco altalenante, si ritrovano così raggiunti in terza posizione dalla Rinascita. Non riesce al contrario a fare gruppetto con loro l’Alto Verbano di Varese. La formazione campione d’Italia 2016 infatti, stecca tra le mura amiche perdendo 2-1 ad opera della CVM Utensiltecnica di Rimini. Quarta bella vittoria consecutiva per i romagnoli, che raggiungono saldamente metà classifica insieme all’Enrico Millo di Salerno. Anche i campani continuano a suggellare la permanenza nella massima serie a suon di vittorie sulle proprie corsie, 2-1 l’ultima ai danni dell’Ancona 2000. Giochi fatti insomma in coda, ma ancora parecchio da definire in testa. Avvertiti perciò gli appassionati delle sfere sintetiche: bisogna seguitare a reggersi forte, in teoria ne mancano altre due.


Gianluca Manuelli, una delle punte di diamante della Fashion Cattel

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });