Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

Visualizza la Privacy Policy Approvo

Spalla a spalla per tutto il girone di ritorno e ancora sino all'ultimo strappo a pochi metri dal traguardo. Sotto lo striscione di Sassello, dove il Martina ha ospitato la final four del massimo campionato femminile di Petanque, l'ha spuntata l'Abg. Le genovesi sono le nuove regine d'Italia. Nel testa a testa conclusivo ha sprintato sulla sfidante Gsp Ventimiglia, l'ambizioso e attrezzato club  con il quale ha condiviso a lungo la leader ship. Nulla da fare per l'altra ligure, l'imperiese Pontedassio, campionessa in carica, e per la cuneese Costigliolese, entrambe sconfitte in semifinale.

 

AMBITO - Sono state – in ordine sparso – Gabriella Cavanna, Laura Cardo, Serena Sacco, Valentina Petulicchio, Sara Ferrera, Laura Blelè, Pierangela Orengo, Mariangela Arcesto, Viola Oliveri e Aurora Ferrera, a regalarsi e a regalare al club presieduto da Angelo Serra, il trofeo più ambito. A dispetto di quanti avevano pronosticato il successo finale delle frontaliere, indubbiamente in possesso di un organico assai competitivo. L'Abg ha prevalso grazie alla coesione di un gruppo che ha sopperito con la tecnica e la classe delle sue top player, alla rosa ridotta rispetto agli impegni del campionato lungo quattordici giornate, e, unica squadra, ad aver utilizzato, oltre a un under 21, due under 15.

COPPIE - Grande la soddisfazione per il tecnico Marco Sacco, la cui gioia ha cancellato l'amaro boccone dell'esito della final four di A2. “Si è deciso tutto nell'ultimo turno – ha sottolineato – con le prove a coppie, dove eravamo arrivati in parità. Dopo la sconfitta di Petulicchio-Orengo (poi uscita per Cavanna), sono risultate decisive le altre due sfide. Blelè-Sacco, sul 4-0 hanno subito la reazione avversa sino al 4-10. A quel punto il match è cambiato, boccia su boccia abbiamo rimontato e a tempo scaduto abbiamo chiuso sul 13-10. Diverso il percorso di Cardo-Ferrera, giocata a fasi alterne e conclusa l'ultima giocata con 4 punti di vantaggio per noi. Un successo meritato per le nostre atlete; tutte da elogiare e in modo particolare quelle che hanno disputato 6 partite, Ferrera, Petulicchio e Sacco; quest'ultima premiata quale miglior giocatrice della finale".

IMPEGNATIVO - "Un campionato – ha proseguito Sacco – assai impegnativo, anche perchè ci ha costretti a giocare sui campi all'aperto, contrariamente alle abitudini dei tornei passati. Per noi un campionato costruito sulle basi di quello scorso, ma avendo un organico ridotto ho fatto debuttare le due under 15, Aurora e Viola. Inserite poco per volta, si sono integrate nel gruppo, giocando sia a terne che a coppie. Un successo che ci premia e ci inorgoglisce, anche perchè il Gsp era dato per favorito sin dall'inizio. Ed è pure la risposta tecnica a chi aveva affermato, al termine dello scorso campionato, che l'Abg si reggeva soltanto sulle capacità di Valentina Petulicchio. Mi sembra che le nostre ragazze abbiano dimostrato con i fatti,  quale è stato il vero valore di questa squadra”.

 

I risultati della final four diretta egregiamente da Luciano Fiandino con la collaborazione dell'arbitro Osvaldo Mattalia: semifinali, Gsp Ventimiglia – Pontedassio 11-5, Abg Genova – Costigliolese 15-7; finale: Abg Genova – Gsp Ventimiglia 12-10.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });