Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

Visualizza la Privacy Policy Approvo

Albena Petanque 2019

 

L'Italia è entrata  nella storia scrivendo una pagina importante sui terreni bulgari di Albena dove si è celebrata la sesta edizione del Campionato Europeo maschile. Gli azzurri diretti dal commissario tecnico Riccardo Capaccioni hanno trionfato cogliendo i due titoli continentali in palio, quello del tiro di precisione con Diego Rizzi, e quello a terne con lo stesso Rizzi insieme ad Alessio Cocciolo, Florian Cometto e Andrea Chiapello. Dopo l'oro del plurititolato cecchino ligure, è arrivato quello a terne grazie al successo finale ai danni del Belgio, colto sul filo di lana (13-12). L'Italia ha interrotto l'egemonico predominio della Francia che aveva posto il sigillo sui cinque precedenti Europei.

 

Con una superba prestazione, Diego Rizzi si è laureato campione d'Europa della specialità di tiro di precisione, superando in finale lo spagnolo Perez Martin con il punteggio di 45 a 29. Per l'azzurro si tratta del secondo titolo, dopo quello conquistato nel 2015 proprio nella bulgara Albena. Ora i riflettori si spostano sulla terna che, dopo aver sconfitto nei quarti il Lussemburgo con un secco 13-0, affronterà in semifinale la Slovenia di Sever.

 

Avanti tutta anche per la terna azzurra. Nella poule 3 l'Italia del citì Riccardo Capaccioni ha dapprima sconfitto la sorprendente Repubblica Ceca per 13-12 e appresso non ha lasciato scampo all'Olanda (13-6) che si era imposta alla Danimarca. Superata la poule dovrà affrontare, domattina alle 8.30 (7.30 ora italiana), nei quarti di finale il Lussemburgo.

 

Primi squilli da Albena dove si sono celebrate le semifinali del tiro di precisione. L'azzurro Diego Rizzi, dopo aver battuto il monegasco Ferrandez (37-20) nei quarti di finale, si è ripetuto subito dopo affondando le aspirazioni del belga Marchandise, sconfitto con l'eloquente punteggio di 45-25. Domattina alle 11 la sfida decisiva per l'oro europeo. L'avversario di Rizzi in finale sarà lo spagnolo Jesus Perez Martin che in semifinale si era imposto al portoghese Hugo Dores.

 

L'Europeo di Albena sta entrando nelle fasi più calde. Nel campionato a terne l'Italia ha proseguito il cammino superando,dopo Svezia e Jersey, Monaco (13-2) e Lussemburgo (12-9), mentre si è dovuta arrendere alla Danimarca sul punteggio di 9-11. Qualificati al terzo posto della classifica del girone eliminatorio, gli azzurri sono finiti nel gruppo A3 dove incontreranno la Repubblica Ceka. Nello stesso gruppo si affronteranno Olanda e Danimarca. Gli altri tre gironi sono composti da Francia – Wales, Svezia – Polonia (A1), Belgio – Slovenia, Israele – Germania (A2), Spagna – Andorra, Lussemburgo – Svizzera (A4). Per quanto concerne il tiro di precisione, Rizzi domattina alle 10, sfiderà l'atleta di Monaco per un posto sul podio.

 

Concluso anche il secondo turno di qualificazione del tiro di precisione che doveva indicare gli altri quattro atleti partecipanti ai quarti di finale insieme all'azzurro Rizzi, allo spagnolo Perez Martin, al turco Kirmizicolak e al portoghese Dores, già qualificati al termine del primo turno, il tabellone ha indicato nel monegasco Vincent Ferrandez il prossimo avversario di Diego. Intanto sono in corso le prove a terne. L'Italia con Alessio Cocciolo, Florian Cometto e Andrea Chiapello, ha superato le prime due sfide contro Svezia (13-6) e Jersey (13-0) ed ora è in campo contro Monaco con la terna composta da Rizzi-Cometto-Chiapello.

 

Le prime sfide europee dedicate alla specialità del tiro di precisione hanno consegnato all'azzurro Diego Rizzi il biglietto per i quarti di finale. Il pluricampione ligure è entrato nei primi quattro della speciale classifica al termine del primo turno di qualificazione che ha coinvolto 34 tiratori. Insieme a Rizzi accedono direttamente ai “quarti” anche lo spagnolo Perez Martin (46 punti), il turco Kirmizicolak (37) e il portoghese Dores (36), mentre gli altri quattro qualificati scaturiranno dal secondo turno che coinvolgerà 16 atleti.  L'europeo prosegue con i primi confronti a terne.

 

La petanque internazionale celebra la sesta edizione del Campionato Europeo maschile senior, sia per la specialità a terne che quella del tiro di precisione. Da giovedì 19 a domenica 22 settembre sarà nuovamente la città bulgara di Albena (vi si disputò l'edizione del 2015), ad ospitare la competizione continentale a cui hanno aderito 36 nazioni. L'Italia del commissario tecnico Riccardo Capaccioni, sarà rappresentata da Alessio Cocciolo, Florian Cometto, Andrea Chiapello e Diego Rizzi. La competizione a terne ha sempre visto il predominio della Francia (5 titoli su 5). Gli azzurri hanno sfiorato l'impresa nello scorso campionato, cogliendo la medaglia d'argento, dopo aver ottenuto il terzo posto nel 2011 e 2013. Diverso l'albo d'oro del tiro di precisione. Proprio ad Albena, Diego Rizzi conquistò il titolo iridato nel 2015. Lo stesso Rizzi vanta pure un argento nel 2013 e un bronzo nell'ultima edizione del 2017, vinta dal francese Dylan Rocher. L'Italia punterà ancora al podio in entrambe le competizioni. La Francia per riconfermarsi ha scelto Bonetto, Montoro, Robineau e Sarrio.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });