Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

Visualizza la Privacy Policy Approvo

Calabria terra di raffa, volo e… anche di petanque. È partito da San Giovanni in Fiore il nuovo tour promozionale per la conoscenza e la diffusione della disciplina – la specialità più praticata nel mondo - in Calabria, a cominciare dal Comitato provinciale di Cosenza. La prima tappa del tour si è tenuta domenica scorsa, 23 agosto, a San Giovanni in Fiore, nella pista appositamente recuperata nello spazio antistante il bocciodromo comunale. Si tratta quindi della prima pista di petanque in provincia di Cosenza e rappresenta quindi metaforicamente – in attesa di formale affiliazione - la nascita della disciplina nel Comitato Fib di Cosenza, grazie alla volontà della locale società bocciofila.

 

Fra i promotori dell’iniziativa Emilio Segreti, arbitro nazionale della Federbocce e responsabile arbitrale della Fib Calabria, che insieme a Guglielmo Votano nella prima parte della giornata ha esposto ai presenti – bocciofili e neofiti – le regole del gioco sia dal punto di vista tecnico che da quello organizzativo. Il programma e poi proseguito con un’esibizione fra che ha visto sfidarsi, sotto l’egida della sportività e della voglia condividere, tre coppie composte da Domenico Cariddi (presidente della Ortì Petanque, società apripista della petanque in Calabria) e Guglielmo Votano (promotore petanque Fib Calabria), Antonino Canale (delegato provinciale FIB Reggio Calabria) e Antonio Fiorito per Villa Arangea, il presidente della società di casa Paolo Oliverio e Franco Marazzita per San Giovanni in Fiore. Al termine del confronto sportivo non ci sono stati né vincitori né vinti: a vincere è stata la petanque che ha riscosso curiosità e i primi consensi. La specialità tanto cara ai francesi può contare infatti su diversi punti di forza: non ha costi elevati per società e giocatori, è semplice da apprendere, si pratica all’aperto (e quindi in sicurezza considerate le vigenti norme anti-Covid) ed è quindi alla portata di tutti.

 

Infine, come spiegato da Emilio Segreti, il tour promozionale della petanque in provincia di Cosenza e in tutta la regione, in sinergia con gli obiettivi della Federazione Italiana Bocce, si inserisce in un ampio progetto che punti ad avvicinare vecchi e nuovi tesserati e all’affiliazione delle società calabresi per diverse discipline.

 

Sempre un passo, anzi una boccia, avanti!

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });