Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

Visualizza la Privacy Policy Approvo

La Calimerese è una società pugliese, che ha ottenuto dalla Federbocce il riconoscimento di CAB, per le attività che porta avanti con donne, ragazzi e persone con disabilità. Sotto il profilo paralimpico, la società pugliese pratica sia la specialità della Boccia Paralimpica che quella delle bocce paralimpiche.

“Siamo orgogliosi delle attività che portiamo avanti, anche perché lo facciamo con amore per lo sport e, in particolar modo, per le bocce”, ha affermato il presidente Fabio Montinari.

La società di Calimera annovera 65 soci e, di questi, nove sono le persone con disabilità, otto gli Under, equamente divisi tra ragazze e ragazzi, sei le donne. Sulle quattro corsie di gioco del bocciodromo del centro in provincia di Lecce, che conta quasi settemila abitanti, c’è movimento tutti i giorni. I soci della Calimerese si allenano e si divertono.

“Ci siamo organizzati con appuntamenti mirati – ha proseguito Montinari – Siamo riusciti, nella nostra realtà, a integrare tutti i nostri soci. Giocano insieme uomini e donne, i ragazzi con gli adulti e le persone con disabilità con i normodotati. Abbiamo organizzato anche diverse manifestazioni nelle quali occorreva giocare tutti insieme. Dalle Lui&Lei, alle gare a terna, formate da un Under, una donna e un atleta paralimpico ad altri tipi di formule, finalizzate a giocare tutti insieme”. Nell’ultima stagione sportiva, il club ha partecipato al Campionato di Promozione di Società di 3^ Categoria con una squadra mista, composta da quattro uomini e due donne, mentre dall’anno prossimo “l’obiettivo è quello di partecipare al campionato di società femminile”.

I soci della Calimerese “vivono la società dal punto di vista sportivo e da quello sociale”, ha rimarcato il presidente.

 

calimerese

La Calimerese

 

Il team pugliese è particolarmente attivo. La Calimerese, infatti, nell’ultimo anno, prima dell’emergenza sanitaria, ha organizzato quattro gare regionali, tre di bocce paralimpiche, due ‘Lui&Lei’ e una femminile. Nel 2019, anche la prima esperienza di Beach Bocce con l’organizzazione di due tappe del tour federale, una a San Foca di Melendugno, nel leccese, l’altra ad Alimini, in provincia di Otranto.

L’esperienza con il Beach Bocce si ripeterà nel 2020 con la tappa al Lido Eurogarden a San Foca di Melendugno, in programma il 12 agosto.

“Tutte queste attività sono possibili grazie all’aiuto degli altri membri del Consiglio direttivo e di tutti i soci attivi – ha precisato Fabio Montinari – La vice-presidente Maria Luisa Rotondo mi dà un grande aiuto, così come fanno Luigino Mairo, Carmelo Bergamo, Gaetano Montinaro, Brizio Mazzei e Pantaleo Marra, ma anche diversi altri soci”.

La Calimerese è attiva anche sotto il profilo dell’attività formativa. Maria Luisa Rotondo è tecnico di Boccia Paralimpica e Istruttore Giovanile, il presidente Fabio Montinari è Istruttore Giovanile ed Educatore Scolastico, Carmelo Bergamo è Istruttore Giovanile e l’insegnante Atena Siculella è Educatore Scolastico.

La società annovera anche cinque arbitri provinciali e uno di Boccia Paralimpica.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });