Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

Visualizza la Privacy Policy Approvo

Non tutte le bocciofile si sono fermate, durante l’emergenza coronavirus. Pur avendo dovuto interrompere l’attività agonistica, l’Oikos Fossombrone ha mantenuto viva la sfera socio-relazionale. Il presidente Umberto Eusepi racconta l’opera di volontariato che ha contraddistinto l’associazione in quel periodo e in generale gli obiettivi e le iniziative a favore degli atleti più giovani, del settore femminile e di quello paralimpico. 

Negli ultimi mesi avete smesso i panni dei giocatori, per indossare quelli dei volontari: qual è stata la vostra esperienza?

“In collaborazione con la Croce Rossa di Fossombrone abbiamo distribuito medicinali e viveri alle persone in difficoltà. Siamo riusciti a effettuare 700 consegne in 60 giorni, con turni di 8 ore al giorno. Abbiamo prestato la nostra opera con grande piacere e desidero precisare che al progetto hanno partecipato anche tre socie. La bocciofila ha inoltre raccolto 7000 euro, consentendo all’ospedale Covid di Fossombrone di acquistare presidi e attrezzature per fronteggiare l’emergenza”. 

L’Oikos Fossombrone è attiva nei tre settori: giovanile, femminile e paralimpico…

“Adoperarsi per questi tre settori ripaga di tutti i sacrifici compiuti. Sono presidente dal 1984 e, se tornassi indietro, sceglierei di ricoprire tale carica altre mille volte: la soddisfazione di far crescere la società è unica. Seguiamo trenta giovani: sei ragazzi e ventiquattro ragazze, impazienti di ricominciare. Gli atleti con disabilità sono ventiquattro e siamo attivi con loro dal 1998. La bocciofila è frequentata anche da numerose donne, tra queste la campionessa Agnese Aguzzi”. 

Un bilancio sulla stagione della vostra squadra, impegnata in Serie A2?

“Prima dell’interruzione eravamo in vetta al campionato e pronti al grande salto di categoria. Il nostro è un gruppo di soli giovani: l’unico veterano è il campione italiano over 50, Silvano Girolimini. Miriamo alla promozione per disputare la Serie A con i nostri ragazzi”. 

In che modo riuscite a finanziare le vostre attività?

“Oltre agli sponsor, che ringrazio calorosamente, ci autofinanziamo attraverso tombolate e feste estive. Il coronavirus ci obbligherà a prendere in considerazione altre forme di sostentamento: qualcosa ci inventeremo”. 

Siete pronti a ripartire?

“L’impianto è stato completamente sanificato e a partire dal 18 maggio potrà accogliere gli atleti, che si alleneranno solo individualmente e nel rispetto delle norme. Fortunatamente il virus non ha colpito i nostri tesserati: a tale proposito ringrazio il presidente Fib Marche, Corrado Tecchi, il quale ci consigliò di chiudere la struttura con largo anticipo, molto prima che si propagasse la pandemia”.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });