Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

Visualizza la Privacy Policy Approvo

La bocciofila sorge a pochi passi dalla parrocchia davanti alla quale fu assassinato don Pino Puglisi. Conta una sessantina di soci, tra cui una decina di giovani e una quindicina di donne. Queste ultime, che lottano per accedere alle final four, rappresentano l'orgoglio di Palermo e dell'intera Sicilia. “Oltre alla nostra squadra della Ponte Ammiraglio, in Regione ne esistono altre due femminili, quella di San Vito Lo Capo, guidata da Nicola Pecorella e quella di Messina, condotta da Nico Rotondo”. A parlare è la responsabile femminile della società palermitana, Lindia D'Andrea (per tutti semplicemente Linda). Nativa di Foggia ha seguito il marito, maresciallo dei carabinieri, nei suoi trasferimenti, prima a Novara e poi a Caltanissetta. “A Palermo ho però piantato le mie radici e quattro anni fa è partito il progetto con la Ponte Ammiraglio”. Sostenuta con vigore dalla Fib Palermo, presieduta da Andrea Fragiglio e dal Comitato Regionale, “Donna Linda” è riuscita nell'impresa di fare accettare le donne nello sport. “Il nostro presidente societario ha dovuto battere i pugni sul tavolo, perché venissero riconisciuti i nostri diritti. In Sicilia, infatti, la condizione delle donne è difficilissima”. Lasciata sola anche dall'amministrazione locale, “la Ponte Ammiraglio si autofinanzia, con la speranza un giorno di ottenere i requisiti per diventare un Cab”. La bocciofila opera in un contesto molto problematico: “La vita nel quartiere è dura, noi ci adoperiamo affinché i giovani abbandonino la strada e le compagnie pericolose. Viviamo lo sport come forma di riscatto sociale e ci adoperiamo per diffondere tale concetto”. Tuttavia qualcosa sta cambiando: “Ora sono gli uomini a voler giocare con noi. Per parte nostra va detto che nella bocciofila ci sentiamo protette”. La Ponte Ammiraglio, inoltre, è attiva nelle scuole e promuove iniziative a favore dei disabili. “La nostra è una piccola società. Per realizzare le tre corsie di gioco abbiamo fatto affidamento sulle nostre forze e sui fondi del Credito Sportivo”. Ai politici palermitani, “Donna Linda” rivolge un appello accorato: “Troppi sono gli impianti sportivi chiusi e inutilizzati: riapriamoli per rilanciare gli alti valori dello sport. Contribuiremo così a formare una realtà migliore”. Il leitmotiv delle atlete palermitane riecheggia con forza: “Umiltà, coraggio, orgoglio”.

jQuery(window).on('load', function() { new JCaption('img.caption'); }); jQuery(function($){ initTooltips(); $("body").on("subform-row-add", initTooltips); function initTooltips (event, container) { container = container || document;$(container).find(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"});} }); jQuery.urlShortener.settings.apiKey='AIzaSyB9Z_0jbJ4-cZAis8KkEgZE2iGWFTQd8nE'; jQuery.urlShortener({ longUrl: "", success: function (shortUrl) { //shortUrl -> Shortened URL jQuery("meta[property='og:url']").attr('content',shortUrl); href=jQuery("#twitterhref").attr('href'); jQuery("#twitterhref").attr('href',href+'&url='+shortUrl); }, error: function(err) { alert(JSON.stringify(err)); } });